IL PROFUMO DEL PARADISO

Andare in basso

IL PROFUMO DEL PARADISO

Messaggio  Libertad il Dom Ago 14, 2011 8:23 am


_________________
avatar
Libertad
Amigo
Amigo

Numero di messaggi : 10653
Reputazione : 83
Data d'iscrizione : 19.06.09

Torna in alto Andare in basso

Re: IL PROFUMO DEL PARADISO

Messaggio  Libertad il Dom Ago 14, 2011 8:23 am

TRAMA

Santo Domingo, 1802

Elene Larpent sta per sposare, non innamorata, Durant Gambier, ma le cerimonie sono interrotte da una rivolta di schiavi. Elene fugge assieme alla fedele schiava che le regala un magico profumo che le servirà a incantare tutti gli uomini che incontrerà sul suo cammino. Durante la fuga le due donne vengono assalite dai rivoltosi e poi salvate miracolosamente da Rayan Bayard, un affascinante corsaro. Tra i due è il colpo di fulmine... e tra le braccia di Rayan Elene dimentica tutto e non vuole credere che il merito sia solo del profumo. Ma la strada verso la felicità è ancora lunga e irta di pericoli ... anche mortal

_________________
avatar
Libertad
Amigo
Amigo

Numero di messaggi : 10653
Reputazione : 83
Data d'iscrizione : 19.06.09

Torna in alto Andare in basso

Re: IL PROFUMO DEL PARADISO

Messaggio  Libertad il Dom Ago 14, 2011 8:32 am

Ieri per caso, su una bancarella di libri usati nel mercato del paese, ho trovato questo libro e ho deciso di comprarlo perchè dalla trama sembrava interessante.
Io sono cresciuta a pane e CORAZON SALVAJE e quindi i Caraibi ottocenteschi hanno un certo fascino su di me!! amore amore Per dirvi....Se vedo una foto della Martinica, in me parte subito la sigla che accompagnava il mitico Juan Del Diablo, anche se poi nella versione di cui parlo io non ci trovavamo proprio li...
Qui siamo comunque a Santo Domingo, in un periodo piuttosto turbolento, che riflette i contrasti e le guerre in Europa. Siamo in un epoca post rivoluzionaria, nel pieno dell'ascesa di Napoleone Bonaparte, che ancora non si è proclamato Imperatore e che divide il suo pubblico tra sostenitori e denigratori.
Santo Domingo è una colonia francese, che cambia identità e bandiera molto rapidamente.
Elene, la protagonista, sta per andare in sposa ad un uomo che non ama solo per assecondare gli interessi economici della famiglia. Durant è in realtà un uomo fascinoso, ma prepotente che è intenzionato ad avere una sposa fedele e devota, ma allo stesso tempo non vuole rinunciare alle sue conquiste tra le schiave.
Siamo in piena schiavitù, ristabilita dopo una breve abolizione nei vari passaggi di potere.
La stessa governante di Elena, Devota, è in realtà sua zia, sorellastra di sangue misto della sua stessa madre.
La preparazione del matrimonio e la successiva rivolta sono descritte benissimo, come tutta la dimensione storica del romanzo.
L'incontro con Ryan e la successiva prigionia nella botola sotto il pavimento del contrabbandiere sono ben sostenuti ed interessanti. I due cedono alla passione in questi giorni di reclusione forzata, ma mantengono il loro carattere e le loro divergenze durante tutto il tempo.
Lei è un convinta sostenitrice della bandiera e non riesce proprio a capire il concetto di onore di Ryan che sente di essere legato solo alla sua famiglia, ai suoi amici, disconoscendo concetti quali patria e stato, anche perchè la Louisiana, dove vive, viene continuamente venduta da un paese ad un altro. Adesso è spagnola, ma si prima era francese.
Lui è fedele solo a se stesso e ai suoi interessi.

_________________
avatar
Libertad
Amigo
Amigo

Numero di messaggi : 10653
Reputazione : 83
Data d'iscrizione : 19.06.09

Torna in alto Andare in basso

Re: IL PROFUMO DEL PARADISO

Messaggio  Libertad il Lun Ago 15, 2011 8:39 am

Libro che ho finito in soli due giorni che ha una trama solida ed è ben sviluppato, anche se mi ha lasciato la sensazione che ci fossero dei vuoti dovuti forse a tagli apportati dagli editori italiani.
Certo la storia è appassionante, non solo per le vicende politiche che finiscono per travolgere la vita dei singoli, ma per la storia dei due protagonisti, sempre più legati in modo quasi ossessivo, per quel misterioso profumo che si mormora abbia poteri magici, ma che è in realtà solo un'essenza che da sicurezza a livello psicologico, per i personaggi per tratteggiati (persino Durant continua ad avere un certo fascino), e per il sottofondo della storia dei veleni.
Fino alla fine ero in bilico e non riuscivo a capire chi potesse essere l'assassino, ma alla fine tutta la spiegazione ha una certa coerenza.
Nel complesso è un libro interessante..Penso che leggerò qualche altra cosa della Blake anche se in lingua originale, per scoprire se gli italiani come al solito mi hanno derubato di qualcosa persino in una lettura di svago.

_________________
avatar
Libertad
Amigo
Amigo

Numero di messaggi : 10653
Reputazione : 83
Data d'iscrizione : 19.06.09

Torna in alto Andare in basso

Re: IL PROFUMO DEL PARADISO

Messaggio  Contenuto sponsorizzato


Contenuto sponsorizzato


Torna in alto Andare in basso

Torna in alto


 
Permessi di questa sezione del forum:
Non puoi rispondere agli argomenti in questo forum