LA SAGA DEI ROHAN by Anne Stuart

Pagina 2 di 2 Precedente  1, 2

Andare in basso

Re: LA SAGA DEI ROHAN by Anne Stuart

Messaggio  Libertad il Sab Lug 30, 2011 9:43 am

[Devi essere iscritto e connesso per vedere questa immagine]

QUARTO VOLUME DELLA SAGA

_________________
[Devi essere iscritto e connesso per vedere questa immagine]
avatar
Libertad
Amigo
Amigo

Numero di messaggi : 10653
Reputazione : 83
Data d'iscrizione : 19.06.09

Torna in alto Andare in basso

Re: LA SAGA DEI ROHAN by Anne Stuart

Messaggio  Libertad il Dom Lug 31, 2011 8:21 am

Eccomi qui tornata alle vicende della turbolenta famiglia Rohan.
Se in altri romanzi il salto temporale ci permetteva di andare avanti con la storia di qualche generazione, qui invece penso che l'autrice non ci abbia fatto far eun balzo in avanti eccessivo.
Il protagonista delle vicende è il turbolento Benedick Rohan, il primogenito del Visconte che già avevamo avuto il piacere di incontrare nel romanzo precedente.
Li era stato la causa involontaria del dolore di Miranda, in quanto la sorella di Lucien che si uccedi accecata d'amore era stata una delle sue conquiste.
Del turbolento cognato ancora non ci sono tracce, tranne il fastidio di Ben che quando pensa alla sorella si irrigidisce sempre in quanto non sopporta proprio il pensiero dello Scorpione.
Mi ha fatto sorridere il modo in cui liquida l'ipotesi di poter trascorrere un periodo nel Distretto Dei Laghi, dicendo che la sorella si è sposato con un mostro e che lui ha la carrozza sempre pronta per poter correre da lei e salvarla, anche se lei invece è fastidiosamente felice con quel diavolo che ha sposato!! Laughing Laughing Laughing Certi asti non si risolvono neanche nel giro di un romanzo.
Se Benedick è un libertino incallito con la tragica circostanza di donne che sposa e che muoiono senza riuscire a dargli un erede, la protagonista è un modello di virtù, addirittura una vedova che, disprezzando gli uomini ed i piaceri che proprio non capisce - lei è una ricca vedova infelice e ha avuto solo un'altra deludente avventura -, ha aperto una sorta di casa dove recuperare le donne perdute.
I due si scontrano/incontrano proprio perchè Charity (come la chiamano) cerca di ri riscattare Violet, una delle sue ragazze, che ha ceduto al richiamo del Visconte tornato in città.
Lui la chiama "la virago", ma piano piano che i loro incontri si moltiplicano, lui si sente sempre più attratto da lei.
Intano si snodano le vicende del tormentato Brendon, il fratellino dei Rohan, che si è trasformato in un uomo cinico e duro dopo la guerra in Afghanistan e sembra che sia caduto nella rete degli incontri di Heavenly Host che si sono trasformati in una sorta di setta che commette sacrifici umani.
Benedick non ci crede e pensa che siano sempre le solite voci e che Charity, la virago, sia solo vittima dei pettegolezzi, ma alla fine accetta di collaborare con lei per scoprire la verità...
E questo gli darà la possibilità di frequentarla più assiduamente!!! Mad Mad

_________________
[Devi essere iscritto e connesso per vedere questa immagine]
avatar
Libertad
Amigo
Amigo

Numero di messaggi : 10653
Reputazione : 83
Data d'iscrizione : 19.06.09

Torna in alto Andare in basso

Re: LA SAGA DEI ROHAN by Anne Stuart

Messaggio  Libertad il Lun Ago 01, 2011 8:45 am

Ecco un'autrice che, anche dopo un po' di tempo e pause varie in cui ho scoperto altri titoli ed altre scrittrici, riesce a convincermi sempre! Mad Mad
Avevo iniziato un po' scettica questo quarto volume della saga dei Rohan perchè pensabo che il turbolento Benedick non potesse regalarmi le emozioni dei suoi predecessori, primo fra tutti quel Francis Rohan, capostipite, che resta a mio avviso uno dei migliori! Arrow Arrow Ero convinta di ciò soprattutto per via della protagonista, Melisandre ("il cui nome sembra quello di una martire medievale " a detta del protagonista infastidito Laughing ), che è stata soprannominata la Santa di King Street per la sua dedizione alla causa di riscatto delle "soiled Doves", ovvero delle colombe macchiate che sono poi tutte le donnine allegre che hanno "conosciuto" biblicamente il protagonista.
Inoltre era vedova ed aveva avuto una storia, molto deludente, con un giovane pretendente. Non mi sembrava che ci fossero le premesse...
Invece come al solito Anne Stuart mi sta regalando tutte le emozioni solite che i suoi romanzi riescono a dare, molto più di quei libri infarciti solo di una cosa dove si perde l'analisi dei personaggi, l'avventura e le emozioni.
Sto adorando il modo in cui Charity e Benedick si stanno conoscendo! Mad Mad
Si detestano e sono sempre alle prese con scontri verbali in cui nessuno è disposto a fare un passo indietro, ma i loro attacchi nascondono un'attrazione sempre più forte che infastidisce entrambi, non intenzionati a cedere a nessun costo.
Ho adorato il modo in cui, dopo il ballo, decisono di andare ad indagare tra le rovine dove si suppone che debbano tenersi gli incontri degli HEAVENLY HOST. Partono con un umore nero entrambi, decisi a scoraggiare l'evidente interesse che sta emergendo. Sono convinti che, comportandosi in maniera odiosa l'uno verso l'altra l'attrazione possa sparire, ed invece ci imbattiamo in avventure emozionanti ed in una tenerezza infinita, come quando lui la consola per il pianto improvviso nato dalla mancanza del marito, o quando lui la salva nel tunnel dove precipitano durante le loro indagini.
Adoro Benedick ed il modo in cui si dice, pieno d'orrore, che Melisandre Carstairse non è per niente la donna adatta a lui, che cerca una moglie docile da una parte e allo stesso tempo un' amante disponibile.
Meravigliosa Charity quando gli dice che per il secondo ruolo lei sta facendo piazza pulita delle concorrenti, ovvero tutte le donne prese sotto la sua ala.
Adoro anche loro, simpatiche, gioiose, piene di iniziativa! amore amore
Intanto si infittisce il mistero di Heavenly Host in quanto sembra che sia coinvolto anche il fratello della signorina Pennington, aspirante moglie del nostro bel Visconte! ok ok ok
La storia ha decisamente un certo fascino!!!

_________________
[Devi essere iscritto e connesso per vedere questa immagine]
avatar
Libertad
Amigo
Amigo

Numero di messaggi : 10653
Reputazione : 83
Data d'iscrizione : 19.06.09

Torna in alto Andare in basso

Re: LA SAGA DEI ROHAN by Anne Stuart

Messaggio  Libertad il Mar Ago 02, 2011 8:11 am

Ho continuato la lettura lasciandomi trasporatare. Mad Mad
Mi piace il modo in cui la psicologia complessa di questi personaggi si sviluppa. Melisandre pensa che vuole vivere una storia con Benedick che le ha mostrato un mondo nuovo e la possibilità di avere emozioni diverse da quelle a cui era abituata e così, con il supporto di tutte le sue protette, decide di sedurlo ed il suo è un tentativo talmente tenero e goffo che non si può che simpatizzare con lei per il coraggio e per l'ingenuità. ok ok
Le parole durissime di Benedick quando, lui che tenta di evitarla in tutti i modi, se la ritrova nella camera da letto sono davvero cattive e hanno lo scopo di farla uscire dalla sua stanza fuggendo.
Molto credibile la reazione di lei e tenero il senso di colpa di lui che, stufo di lottare, cede al fascino della donna che gli sembra quella più lontana dai suoi criteri, dai suoi progetti. Lui sa che non è la persona adatta per diventare la Viscontessa di Rohan, perchè dopo un matrimonio di 10 anni non ha avuto figli ed è probabile che sia sterile, ma allo stesso tempo non è assolutamente una donna con cui avere solo un'avventura... iol iol
Così la caccia con parole che devono troncare ogni sua speranza e così è!!! iol iol
Peccato che anche Benedick ne sia talmente sconvolto da buttarsi nell'alcol e far si che al suo arrivo, Miranda, la sorella vergognosamente felice, lo trova.
E con lei torna il nostro indimenticabile ed indimenticato Lucien De Malheur!!! geek geek geek geek

_________________
[Devi essere iscritto e connesso per vedere questa immagine]
avatar
Libertad
Amigo
Amigo

Numero di messaggi : 10653
Reputazione : 83
Data d'iscrizione : 19.06.09

Torna in alto Andare in basso

Re: LA SAGA DEI ROHAN by Anne Stuart

Messaggio  Libertad il Mer Ago 03, 2011 7:57 am

Finito anche il quarto volume!!! Mad Mad Mad
Nel complesso i Rohan non deludono mai. E' una famiglia strana che in qualche modo con i suoi eccessi mi affascina, ma penso anche che ci sono dei piccoli nei soprattutto nel finale.
Non si capisce bene che cosa sia successa tra Emma e Brandon, perchè quando l'allegra comitiva ritorna dalla scena del disastro, ovvero la sede degli Heavenly Host, lei è sparita e si sa solo che Brandon è caduto e si è fatto male....Molto lontano dalla verità.
Inoltre anche l'epilogo mi ha lasciato perplessa. Certo il salto serve a farci sapere che Melisande non è per niente sterile e che questa volta Benedick è riuscito a diventare padre e marito in quanto non ha perso nessuno dei due.
Ma la scena ci viene presentata dalla sala d'attesa, con tutti i vari Rohan e non (Lucien spicca come sempre amore amore amore ) che attendono la lieta notizia, che arriva, senza però permettere al lettore di vedere il nuovo nato o la stanca madre.
A parte questa piccola pecca, credo che il romanzo sia assolutamente interessante, pieno di avventura e di passione! Un'altra buona prova di Anne Stuart! ok ok ok

_________________
[Devi essere iscritto e connesso per vedere questa immagine]
avatar
Libertad
Amigo
Amigo

Numero di messaggi : 10653
Reputazione : 83
Data d'iscrizione : 19.06.09

Torna in alto Andare in basso

Re: LA SAGA DEI ROHAN by Anne Stuart

Messaggio  Contenuto sponsorizzato


Contenuto sponsorizzato


Torna in alto Andare in basso

Pagina 2 di 2 Precedente  1, 2

Torna in alto

- Argomenti simili

 
Permessi di questa sezione del forum:
Non puoi rispondere agli argomenti in questo forum